Taglio tribunali: avvocati verso stop udienze per 7 giorni. Road map protesta presentata a Napoli, polemiche con ministro

16 gennaio 2014
Taglio tribunali: avvocati verso stop udienze per 7 giorni. Road map protesta presentata a Napoli, polemiche con ministro

(ANSA) – NAPOLI, 16 GEN – Gli avvocati italiani preparano una nuova astensione dalle udienze per sette giorni a partire dal 17 febbraio ed una serie di iniziative locali, con gazebo allestiti in piazza per coinvolgere i cittadini, in preparazione di una manifestazione nazionale a Roma il 20 febbraio. La road map della protesta e’ stata presentata in una conferenza stampa a Napoli dall’Oua (Organismo unitario dell’avvocatura) dal presidente Nicola Marino e dal presidente dell’Ordine degli avvocati di Napoli Francesco Caia. Al centro della protesta c’e’ la contestata riforma della geografia giudiziaria, che secondo l’avvocatura ha creato il caos e moltiplicato i costi per le notifiche degli atti giudiziari. Ma e’ forte la polemica nei confronti del ministro Cancellieri, del quale sono state chieste nuovamente le dimissioni. ”Non e’ una questione personale – ha detto Marino – ma si tratta di un ministro refrattario alle richieste dell’avvocatura e dei cittadini”. Duro il presidente degli avvocati napoletani Francesco Caia. ”In Italia c’e’ una situazione di regime strisciante, l’ultimo baluardo della democrazia siamo noi”. A Castel Capuano, antica sede del Tribunale di Napoli, dove si e’ svolta la conferenza stampa dell’Oua sono stati montati monitor che proiettavano le immagini dell’arresto degli avvocati turchi. Un centinaio di avvocati ha manifestato con striscioni e cartelli davanti all’edificio. Uno di essi, vestito da banditore del ‘700 ha letto un falso editto del ministro Cancellieri, definito ” ministro del nuovo ordine costituito” e, in un volantino distribuito ai passanti ”ministro della giustizia dei ricchi e dei banchieri”.

Print Friendly, PDF & Email
Anm: geografia giudiziaria, avanti con la riforma
Giustizia: Cnf, proposte su arretrato e percorsi alternativi
FacebookTwitterGoogle+LinkedInWhatsAppCondividi