Richieste al Governo dell’UNCC: comunicato stampa

24 marzo 2020
Richieste al Governo dell’UNCC: comunicato stampa

Roma, 24 marzo 2020. Dopo una riunione di Giunta (svoltasi in videoconferenza), considerata l’attuale fase di emergenza nazionale l’UNCC  ha oggi chiesto al Governo:

1) di approvare tutte le richieste già pervenute dagli Organi di rappresentanza dell’Avvocatura, tra le quali vanno citate, a titolo soltanto esemplificativo: l’estensione del reddito di ultima istanza a tutti i professionisti, l’immediata liquidazione dei compensi per il patrocinio a spese dello Stato (o la possibilità di compensarli con i debiti fiscali e contributivi), la sospensione degli indici ISA per il 2020, la sospensione di pagamenti fiscali e previdenziali, l’estensione della sospensione del pagamento delle rate di mutuo a tutti i professionisti (anche per l’acquisto di beni strumentali), l’estensione della Cassa integrazione in deroga anche ai dipendenti dei professionisti, senza necessità di interventi regionali o accordi di natura sindacale, ecc.;

2) di disporre che vengano liquidati con immediatezza, e sulla base dei parametri medi, da rendere vincolanti per tutti con la sola esclusione dei consumatori, gli onorari per gli incarichi giudiziari e concorsuali;

3) di autorizzare Cassa Forense, se del caso con le modalità di cui agli artt. 14 e 14 bis legge 241/1990, a modificare l’art. 22 del regolamento per l’assistenza, per permettere ai suoi Organi deliberanti, in presenza di pandemia, calamità o catastrofe che coinvolga l’intero territorio nazionale, di erogare assistenza in misura adeguata, riconoscendo il relativo importo a titolo di credito di imposta, data la rispondenza dell’erogazione a finalità di carattere generale.

UNCC ha chiesto altresì a Cassa Forense di modificare tale disposizione (fatti salvi i vincoli dell’equilibrio economico-finanziario, della riserva legale pari ad almeno cinque annualità delle pensioni in essere, nonché l’autonomia e l’indipendenza dell’Ente) in modo da destinare all’assistenza – in caso di pandemia, calamità o catastrofe che coinvolga l’intero territorio nazionale – risorse aggiuntive rispetto a quelle stanziate dallo Stato per il rilancio della economia, fino a una somma pari all’avanzo di esercizio degli ultimi tre anni.

Questo comunicato è stato ripreso dagli organi di stampa e dai siti web più importanti:

Il Sole 24 Ore
Guida al Diritto
Ansa
Adnkronos
Radiocor
Agi (Agenzia Giornalistica Italia)

 

Print Friendly, PDF & Email
Decreto Cura Italia ed emendamenti proposti da UNCC
L'emergenza ha preso in contropiede tutti: intervista al Presidente
FacebookTwitterGoogle+LinkedInWhatsAppCondividi