Taglio Tribunali:Consulta boccia referendum abrogativo

15/01/2014
Taglio Tribunali:Consulta boccia referendum abrogativo

(ANSA) – ROMA, 15 GEN – La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile la richiesta, presentata da alcuni consigli regionali, di referendum abrogativo della riforma della geografia giudiziaria. A chiedere il referendum sulla riforma, voluta dal governo Monti e portata avanti dall’esecutivo Letta, che prevede il taglio di circa mille tra tribunali minori, sezioni distaccate di Corte d’appello e uffici del giudice di pace, erano state nove Regioni. Si tratta di Abruzzo, Piemonte, Marche, Puglia, Friuli Venezia Giulia,Campania, Liguria, Basilicata e Calabria, accomunate dall’idea che la riforma piu’ che efficienza e risparmi, produca disservizi e penalizzi i cittadini. Le Regioni avevano chiesto che gli elettori si esprimessero sull’abrogazione sia della delega data al governo per la riforma (e contenuta nell’articolo 1 del decreto legge 13 del 2011 contenente misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e lo sviluppo) sia sui successivi decreti legislativi (del settembre 2012) con i quali si era dato corpo alla nuova organizzazione di tribunali, procure e uffici del giudice di pace. A dare la notizia della bocciatura della richiesta referendaria e’ la stessa Consulta con una nota nella quale fa sapere che “la sentenza sara’ depositata entro i termini previsti dalla legge”.

Quesito referendario 2014

Taglio Tribunali: civilisti, decisione Consulta ha evitato ulteriore caos per la giustizia
Tribunali: domani Consulta decide su referendum contro i tagli
FacebookTwitterGoogle+LinkedInWhatsAppCondividi